ats-brianza.it

News Online
IMAGEIl controllo ufficiale dei tartufi (funghi ipogei): idoneità al consumo alimentare e requisiti per la commercializzazione
Lunedì, 16 Gennaio 2023

IL CONTROLLO UFFICIALE DEI TARTUFI (FUNGHI IPOGEI): IDONEITÀ AL CONSUMO ALIMENTARE E REQUISITI PER...

Prosegui...

Informazioni per gli utenti che ricevono un verbale di accertamento per ticket sanitari non pagati
Venerdì, 13 Gennaio 2023

Informazioni per gli utenti che ricevono un verbale di accertamento per ticket sanitari non pagati...

Prosegui...

Avviso pubblico per la predisposizione di graduatorie aziendali allo scopo di conferire incarichi nei settori della medicina generale e della pediatria di famiglia.
Lunedì, 02 Gennaio 2023

Pubblicato l'avviso pubblico per la predisposizione di graduatorie aziendali allo scopo di...

Prosegui...

Webinar Piani Mirati di Prevenzione
Lunedì, 02 Gennaio 2023

Il Piano Regionale Prevenzione 2021-2025 di regione Lombardia prevede lo sviluppo di Piani Mirati...

Prosegui...

Ultimo aggiornamento: 23/01/2023

Scuola - Informazioni per le famiglie scuolainfofamiglia2

NIDO E SERVIZI EDUCATIVI PER L’INFANZIA (0-6 ANNI) - SCUOLE PRIMARIE, SECONDARIE DI I° E II° GRADO

La permanenza a scuola da parte degli studenti non consentita in caso di:

- sintomatologia compatibile con COVID-19, quale, a titolo esemplificativo: sintomi respiratori acuti come tosse e raffreddore con difficoltà respiratoria, vomito (episodi ripetuti accompagnati da malessere), diarrea (tre o più scariche con feci semiliquide o liquide), perdita del gusto, perdita dell’olfatto, cefalea intensa e/o

- temperatura corporea superiore a 37.5°C e/o

- test diagnostico per la ricerca di SARS-CoV-2 positivo

Si raccomanda pertanto alle famiglie di non condurre gli alunni a scuola in presenza delle condizioni sopra descritte.

Il personale scolastico, i bambini e gli studenti che presentano sintomi indicativi di infezione SARS-COV2 devono essere ospitati nella stanza dedicata o area di isolamento, appositamente predisposta e, nel caso di bambini o alunni minorenni, devono essere avvisati i genitori. Il soggetto interessato raggiungerà la propria abitazione ed eseguirà le indicazioni del proprio Medico/Pediatra

E’ consentita la permanenza a scuola degli studenti con sintomi respiratori di lieve entità ed in buone condizioni generali che non presentano febbre; la sola rinorrea (raffreddore) è condizione frequente e non può essere sempre motivo di non frequenza o allontanamento dalla scuola in assenza di febbre.

In questo caso gli studenti possono frequentare in presenza indossando la mascherina chirurgica/FFP2 fino a risoluzione dei sintomi avendo cura dell’igiene delle mani

INDICAZIONI PER I CASI POSITIVI

Per gli studenti e il personale scolastico/docenti con tampone molecolare o tampone antigenico POSITIVO, NON AUTOSOMMINISTRATO, è previsto l’ISOLAMENTO DOMICILIARE OBBLIGATORIO come di seguito:

- per i casi che sono sempre stati asintomatici e per coloro che non presentano comunque sintomi da almeno 2 giorni (*) per 5 giorni dal primo test positivo  

(*) fa fede la data del provvedimento di isolamento rilasciato da ATS, ad esempio tampone positivo 1° febbraio, 5 giorni di isolamento fino al 6 febbraio, rientro il 7 febbraio

- per i casi che sono sempre stati asintomatici fino all’esito di tampone antigenico o molecolare negativo effettuato anche prima dei 5 giorni.

Al termine dell’isolamento è

  • obbligatorio l’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2:
    • se asintomatici per 10 giorni dal primo test positivo
    • se sintomatici per 10 giorni dall’inizio della sintomatologia
  • raccomandato
    • di non frequentare persone ad alto rischio e/o ambienti affollati

Queste precauzioni possono essere interrotte in caso di negatività a un test antigenico o molecolare.

RIENTRO IN COMUNITA’ SCOLASTICA dei casi positivi avviene: 

- dopo 5 giorni dal primo test positivo, a prescindere dall’effettuazione del test antigenico o molecolare, per i casi che sono sempre stati asintomatici e per coloro che non presentano comunque sintomi da almeno 2 giorni (fa fede la data del provvedimento di isolamento rilasciato da ATS, ad esempio tampone positivo 1° febbraio, 5 giorni di isolamento fino al 6 febbraio, rientro il 7 febbraio)

fanno eccezione i casi di soggetti immunodepressi e i cittadini che abbiano fatto ingresso in Italia dalla Repubblica Popolare Cinese nei 7 giorni precedenti il primo test positivo che devono necessariamente avere un tampone negativo

- anche prima dei 5 giorni dal primo test positivo, con esito di tampone antigenico o molecolare negativo, per i casi che sono sempre stati asintomatici.

E’ obbligatorio, a termine dell’isolamento, l’uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 fino al 10mo giorno dall’inizio della sintomatologia o dal primo test positivo (nel caso degli asintomatici), ed è comunque raccomandato di evitare persone ad alto rischio e/o ambienti affollati. Queste precauzioni possono essere interrotte in caso di negatività a un test antigenico o molecolare

Per il rientro in comunità non è necessaria alcuna attestazione di fine isolamento, in quanto non più prevista.

GESTIONE DEI CONTATTI DI CASO POSITIVO - AUTOSORVEGLIANZA

Al verificarsi di un caso COVID-19 nel gruppo classe/sezione, l'attività educativa e didattica dei contatti di caso positivo prosegue in presenza con l’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per 5 giorni dall’ultimo contatto con il soggetto risultato positivo.

NOTA:

  1. Non hanno l’obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie (mascherina): 
    • i bambini di età inferiore ai sei anni (per comodità, comunque, si considerano le classi scolastiche; quindi è obbligatoria dalla prima elementare in su);
    • le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonché le persone che devono comunicare con una persona con disabilità in modo da non poter fare uso del dispositivo;
    • i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva.
  1. In caso di positività all’autosomministrato è necessario eseguire tampone di conferma presso strutture autorizzate. 

 

ATTENZIONE:  

Gli studenti che presentano sintomi devono comunicare al proprio Medico di Medicina Generale /Pediatra di Libera Scelta lo stato di salute per l’eventuale effettuazione del tampone di diagnosi.

Asst Monza Asst Lecco Asst Vimercate salute4baby  PagoPA