News Online
IMAGECentri vaccinali Agosto 2022
Martedì, 02 Agosto 2022

  Centri vaccinali agosto 2022

Prosegui...

Avviso per la manifestazione di interesse per l’accesso all’indennita’ di cui all’art.19 novies comma 1 del dl n.137/2020 convertito nella legge n.176/2020.
Lunedì, 01 Agosto 2022

Avviso per la manifestazione di interesse per l’accessoall’indennita’ di cui all’art.19...

Prosegui...

IMAGELa salute diseguale: laboratorio di analisi e proposte
Venerdì, 29 Luglio 2022

Edizione unica 22/09/2022 - 29/09/2022 dalle ore 9:00 alle ore 17:00 C/o Binario 7 – Via Filippo...

Prosegui...

Fondo per il sostegno del ruolo di cura e assistenza del caregiver familiare - annualità 2021
Giovedì, 28 Luglio 2022

Con DGR n. XI/6576 del 30.06.2022 la Giunta di Regione Lombardia ha stanziato ulteriori...

Prosegui...

Newsletter ATS informa 2022

  

  3  
                                        

 

Scuola di Assistenza Familiare per Caregiver: 8 edizioni sul territorio con esperti sui temi dell'accudimento della persona fragile al domicilio

 

“Abbiamo voluto fortemente organizzare una serie di appuntamenti con professionisti di questo tema – spiega il Direttore Generale dr. Carmelo Scarcella – per fornire indicazioni, soluzioni e facilitare l’accesso ai servizi, ai tanti caregiver familiari che quotidianamente si occupano di persone fragili. Un ruolo che comporta un grosso onere psicologico e di responsabilità e che ritengo sia in tutti i modi da facilitare e supportare”.

È questo l’obiettivo della scuola di assistenza familiare, con la prima edizione che ha preso il via il 12 maggio e si è conclusa il 7 giugno presso l'Aula Consiliare del Comune di Introbio, in Valsassina e la seconda edizione dal 21 giugno al 12 luglio presso la Casa della Comunità di Vimercate. A partire da settembre, verranno organizzate altre edizioni nelle due province di Lecco e Monza, per arrivare a 8 edizioni in Comuni diversi. Il corso si pone come risultato quello di formare caregiver informali (familiari) capaci di assistere nelle attività della vita quotidiana soggetti con disabilità fisica,temporaneamente o permanentemente privi di autonomia.

evento caregiver introbio

Un progetto per il quale ATS Brianza ha coinvolto e coinvolgerà per le prossime edizioni tanti soggetti del territorio, il Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci, gli Ambiti distrettuali, i Comuni, professionisti come medici di medicina generale, farmacisti, psicologi, infermieri e assistenti sociali. La scuola di assistenza familiare per caregiver ha ottenuto il patrocinio di Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Lecco, Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza e della Brianza, Ordine delle professioni infermieristiche di Lecco, Ordine delle professioni infermieristiche di Milano, Lodi, Monza Brianza, Ordine dei Farmacisti di Lecco e Ordine dei Farmacisti di Milano, Lodi, Monza Brianza.

“Ogni corso – continua il dr. Scarcella – è aperto a 20-25 partecipanti. Da settembre e nei mesi successivi, verranno organizzate altre edizioni nel territorio di ATS Brianza fino ad arrivare ad 8, una per ogni ambito (Bellano, Lecco, Merate, Carate Brianza, Desio, Seregno, Vimercate e Monza). Siamo voluti partire dalla Valsassina, in quanto il territorio presenta caratteristiche come un forte invecchiamento della popolazione a livello locale, un tasso di persone anziane over 65 del 23,6%, un’orografia particolarmente sfavorevole e una minore presenza di servizi che ne rendono l’accesso particolarmente complesso. In tale contesto, la figura dei caregiver costituisce un elemento prezioso non solo per l’azione di accudimento che può fornire, ma anche per la qualità della vita della persona.”.

Al termine del percorso verrà rilasciato un attestato di partecipazione e una guida rivolta ai caregiver familiari.

Questi gli argomenti affrontati nella prima edizione, che verranno riproposti e aggiornati per le edizioni successive.

 

Le  locandine delle prossime edizioni sul territorio verranno condivise sui social network aziendali (facebook, twitter, linkedin) e nella sezione "news" del sito internet www.ats-brianza.it

 

Per informazioni ed iscrizioni:

tel. 0341482537 mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

                                              

 

  3  
                                                          

 

La rete della salute mentale per i richiedenti asilo e il progetto “Nuova rete della salute mentale per i richiedenti asilo in ATS Brianza”

 

Dal 2018 è stato attivato in ATS Brianza il progetto "Nuova rete della salute mentale per i richiedenti asilo in ATS BRIANZA", che si è concluso il 31/12/2021.  

Il progetto ha interessato tutto il territorio di ATS della Brianza, quindi le Province di Lecco e di Monza, ed ha visto la ATS quale Ente Capofila, nel proprio ruolo di tutela della salute, in partenariato con le ASST del territorio (ASST Brianza, ASST Lecco e ASST Monza) e con Enti del territorio che si occupano del tema migratorio: l’ASC Offertasociale, la Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d'Esino e Riviera e l’AS Retesalute.

Le persone Richiedenti o Titolari di Protezione Internazionale (RTPI) sono una popolazione ad elevato rischio di sindromi psicopatologiche, a causa delle frequenti esperienze stressanti o traumatiche che hanno vissuto nei Paesi di origine e/o nel corso del percorso migratorio, durante il quale sono sovente esposti a pericoli e traumi aggiuntivi che si possono concretizzare in situazioni di sfruttamento, violenze e aggressioni di varia natura compresa quella sessuale, malnutrizione, impossibilità di essere curati, umiliazione psicofisica, detenzione e respingimenti. Non è da sottovalutare il cosiddetto trauma secondario, che colpisce molti migranti una volta giunti in Italia (ed Europa) nel momento in cui le aspettative che nutrivano nei confronti del paese di accoglienza si sono scontrate con la realtà che si trovano a vivere nel nuovo paese di arrivo.

Dai dati emersi durante uno studio del Ministero della Salute nel 2017, emerge come circa il 25-30% dei rifugiati ha subito esperienze di tortura, stupro o altre forme di violenza estrema. Queste sono esperienze traumatiche che rientrano nella categoria dei cosiddetti “traumi estremi”. Attualmente si stima che una percentuale compresa fra il 33 e il 75% dei sopravvissuti a traumi estremi, sviluppino, nel periodo successivo all’esperienza traumatica, un disturbo francamente psicopatologico, che impatterà anche sulle generazioni successive (trauma transgenerazionale). Le esperienze traumatiche estreme possono determinare, oltre ai sintomi comuni del Post-Traumatic Stress Disorder (PTSD: Disturbo Post Traumatico da Stress) anche altre conseguenze psicopatologiche specifiche e complesse. La tempestività di un trattamento adeguato in servizi con competenze specialistiche è cruciale per il futuro di queste persone e ha come presupposto indispensabile una precoce e corretta diagnosi.

fami

Dal 2018 è stato attivato in ATS Brianza il progetto "Nuova rete della salute mentale per i richiedenti asilo in ATS BRIANZA", che si è concluso il 31/12/2021.  

Il progetto ha interessato tutto il territorio di ATS della Brianza, quindi le Province di Lecco e di Monza, ed ha visto la ATS quale Ente Capofila, nel proprio ruolo di tutela della salute, in partenariato con le ASST del territorio (ASST Brianza, ASST Lecco e ASST Monza) e con Enti del territorio che si occupano del tema migratorio: l’ASC Offertasociale, la Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d'Esino e Riviera e l’AS Retesalute.

Le Prefetture delle Province di Lecco e di Monza Brianza oltre a rappresentare i referenti istituzionali in tema di immigrazione, sono stati e sono interlocutori importanti per la realizzazione di alcune azioni della progettualità.

Obiettivo progettuale è stato lo sviluppo di specifici programmi di assistenza, trattamento e riabilitazione per richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale (RTPI), presenti sul territorio di ATS della Brianza, in condizione di vulnerabilità, con particolare attenzione al Disturbo Post-Traumatico da Stress Complesso (Complex PTSD).

Destinatari diretti del progetto sono dunque stati RTPI vulnerabili intercettati dai servizi specialistici territoriali o dal sistema di accoglienza.

Una delle azioni primarie del progetto è stata rappresentata dall’individuazione precoce del disagio psichico, fondamentale per una immediata presa in carico e per impedire che il disagio si trasformi in cronicità.

 

Il progetto ha permesso di raggiungere n. 597 RTPI (attraverso accesso spontaneo, invio da parte di enti, attività di screening); di questi: n. 200 sono stati presi in carico dai CPS; n. 421 sono stati seguiti con interventi delle équipe itineranti (almeno n. 1 intervento).

Il modello di intervento sperimentato con le azioni del progetto “Nuova rete della salute mentale per i richiedenti asilo in ATS Brianza” ha certamente contribuito, con il supporto della cornice istituzionale delle Prefetture, a consolidare la rete dei servizi, già storicamente presente e attiva nel territorio.

Attraverso un importante  e ampio piano formativo rivolto agli operatori sanitari, sociosanitari e sociali del territorio, si ritiene che il progetto abbia contribuito significativamente a creare un patrimonio di conoscenze e competenze, in tema di salute mentale dei migranti, che rimarrà sul territorio quale risorsa dei servizi per la valutazione e la presa in carico dei migranti richiedenti asilo in condizioni di vulnerabilità psichica. 

Rilevanti sono state anche le azioni innovative di costituzione di equipe itineranti e di equipe residenzialita’ (attivate dai partner di progetto Comunità Montana VVVR e Offerta Sociale) che hanno avuto l’importante ruolo di porsi quale punto di collegamento fra due contesti  differenti fra loro, quello dell’accoglienza (CAS e SAI) e quello della cura specialistica offerta dai CPS, realizzando in tal modo un percorso di supporto agli RTPI con disagio psichico all’interno del loro contesto di vita.

La realizzazione integrata delle diverse azioni progettuali ha infine permesso di introdurre prassi operative definite e condivise a livello di sistema sanitario locale.

Risulta determinante mantenere nella rete dei servizi, che a diverso titolo si occupano sul territorio ATS della Brianza di accoglienza e cura dei migranti, quanto sperimentato dal Progetto “Nuova rete della salute mentale per i richiedenti asilo in ATS Brianza”, dando continuità a quanto realizzato, con la finalità di favorire la diffusione di un approccio orientato alla diagnosi precoce e all’intervento tempestivo, dando continuità alla realizzazione di contesti e interventi che anticipino il più possibile l'intercettazione di situazioni di disagio mentale nei richiedenti asilo, l’accompagnamento ai servizi specialistici, laddove necessario, per la loro valutazione diagnostica e  per un avvio tempestivo ai più adeguati percorsi trattamentali.

                                                                    

 

  3  
                                                                                                                                                                                                                                      

Brainart: le nuove frontiere di un approccio artistico-creativo e tecnologico–multimediale nella cura delle persone con patologie dementigene

 

Il 10 maggio è partito il “Brainart Tour” che farà tappa a Milano, Lecco, Monza e Bergamo. Il Palazzo di Regione Lombardia di Milano ha ospitato martedì 1° maggio il convegno che ha visto susseguirsi gli interventi di alcuni dei partner del progetto, con la presenza dell’assessore al Welfare di Regione Lombardia Letizia Moratti e dell’artista internazionale Michelangelo Pistoletto, per l’occasione in dialogo con Michele Farina, giornalista del Corriere della Sera nonché ideatore e presidente di Alzheimer Fest.

Durante il convegno sono stati condivisi i risultati raggiunti dal progetto Interreg Italia Svizzera BRAINART e una mostra itinerante, che con le tappe di Milano, Lecco, Monza e Bergamo racconterà alla cittadinanza lombarda un progetto ambizioso e visionario, che dal 2018 sta lavorando affinché l’arte possa essere un mezzo per l’umanizzazione della medicina e per una trasformazione sociale responsabile. Il progetto BRAINART vede come capofila il CRAMS di Lecco e che grazie alla partecipazione di ATS Brianza, Need Institute di Milano, Dipartimento della Sanità e della Socialità del Canton Ticino, Museo Vincenzo Vela di Ligornetto e Fondazione Pro Senectute negli ultimi anni ha sviluppato nuove metodologie per favorire l’inclusione sociale di soggetti affetti da patologie dementigene.

Una mattinata che ha permesso di ripercorrere una sperimentazione che in questi anni ha reso la tecnologia e l’arte strumenti protagonisti di una nuova metodologia di riabilitazione, stimolazione e mantenimento delle capacità cognitive, centrale per favorire la comunicazione tra pazienti, familiari e caregivers e abbattere lo stigma sociale che talvolta affligge e isola le persone affette da demenza. Dai serious games del tavolo interattivo progettato da Stefano Fumagalli e Dario Galbusera all’unione di attività motoria e musica, con oltre 80 persone fragili che in questi mesi hanno sperimentato il tango come occasione di condivisione e benessere, fino alla sonificazione del Museo Vela di Ligornetto in Canton Ticino, che grazie a tre percorsi che danno sonorità agli spazi e voce alle opere esposte permette una maggiore e migliore accessibilità.

Il Direttore generale di ATS Brianza dr. Carmelo Scarcella, è intervenuto per sottolineare quanto «la salute non debba intendersi solo come assenza di malattia, ma anche come benessere psicofisico e sociale. Come ATS – ha affermato – abbiamo il compito di rilevare e intercettare i nuovi bisogni, le nuove modalità di espressione di alcune forme di patologia e imparare a far fronte all’invecchiamento degli utenti anche attraverso strumenti innovativi. BRAINART va in questa direzione»

La giornata del 10 maggio è stata anche l’occasione, per visionare in anteprima la mostra promossa in collaborazione con Regione Lombardia e che attraverso 12 pannelli ideati in collaborazione con Juan Sandoval di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e dal fotografo Damiano Andreotti mette in luce proprio la filosofia del progetto. Un allestimento che pone l’accento, in particolare, sui rapporti tra le persone – ospiti e operatori nelle diverse strutture coinvolte dalla sperimentazione – così da trasmettere il senso e l’importanza del mondo della cura, e che di pannello in pannello affronta diversi aspetti centrali nel progetto. Una mostra, ancora, che è rimasta in Piazza Città di Lombardia di Milano dal 9 all’11 maggio e che nei giorni successivi ha raggiunto Lecco (in Piazza Cermenati, dal 12 al 19), Monza (in piazza Trento e Trieste, dal 20 al 25) e Bergamo (Sentierone, dal 26 maggio al primo giugno).

 barin 2    brain 3
     
 brain 1    brain 4
                                                                                                                                                                                                                

 

 

        

3

  
 

 

Caldo: la gestione delle ondate di calore per l'estate 2022

 

ATS definisce il Piano per la prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute, l’obiettivo è quello di attuare interventi finalizzati a proteggere la popolazione 'sensibile', dalle ondate di calore:  anziani (soprattutto se affetti da determinate malattie); persone affette da malattie croniche e/o patologie respiratorie; persone che vivono da sole o in condizioni abitative inadeguate.

“L’informazione è senza dubbio l’attività più importante all’interno di questo piano – spiega il Direttore Generale di ATS Brianza dr. Carmelo Scarcella – rivolta sia ai soggetti a rischio ma anche ai tanti enti e professionisti che possono veicolare consigli, avvertimenti e fornire un supporto. La locandina con i consigli che abbiamo creato va in questa direzione”.

volantino caldo

ATS Brianza quindi ha coinvolto i vari attori presenti sul territorio, richiamando l’attenzione sui pericoli connessi alle ondate di calore, favorendo l’accesso alle informazioni dei cittadini e di chi si occupa di persone fragili, invitando gli attori della rete territoriale ad intraprendere azioni preventive e finalizzate ad intervenire in caso di emergenza.

“Abbiamo pubblicato sul sito dell’ATS – sottolinea il Dr. Roberto Rossi, Responsabile dell’U.O. Analisi della Domanda - il materiale informativo sul tema delle ondate di calore,  il collegamento al sito di ARPA Lombardia per la consultazione del bollettino Humidex e i numeri utili, per tutta l’estate pubblicheremo sui social network di ATS tutto il materiale informativo dedicato, relativo a diverse categorie e situazioni legate al caldo, abbiamo inviato il Piano Emergenza caldo a Prefetture, Asst, Croce Rossa e Croce Bianca, Comuni e CSV, oltre che agli erogatori (Centri Diurni disabili, Centri Socio Educativi, Residenze Sanitarie Assistenziali, Servizi di Formazione all’Autonomia, Erogatori ADI ecc.) e alle Aziende”.

https://www.ats-brianza.it/it/azienda/news-online/2791-ondate-di-calore-anno-2022.html

Il Dr. Luca Cavalieri d’Oro, Responsabile dell’U.O. Epidemiologia, analizza la popolazione potenzialmente a rischio elevato in caso di ondate di calore: “Sono stati presi in considerazione valori rilevanti quali le caratteristiche personali e sociali (come età superiore a 75 anni, isolamento, dipendenze), condizioni di salute (come cardipatie, malattie polmonari, consumo di alcuni farmaci), caratteristiche ambientali (come vivere in ambiente metropolitano (isola di calore urbana), esposizione ad inquinanti atmosferici) e, infine, aspetti di tipo socio-economico e di natura costruttiva delle abitazioni”.

“Da quest’analisi - conclude il Dr. Antonio Colaianni, Direttore Socio Sanitario ATS Brianza – si evidenzia come ci siano circa 337.000 cittadini a rischio nel nostro territorio (240.000 pv MB, 97.000 pv LC), con un 2,4% a rischio alto, il 29,5% medio-alto e il restante a rischio medio”.

Per favorire l’identificazione dei soggetti potenzialmente a rischio più elevato sono stati trasmessi gli elenchi nominativi con indicazione del livello di rischio stimato ai Medici di Medicina generale e Pediatri di Libera Scelta (elenchi personalizzati per gli assistiti in carico), alle Direzioni delle Aziende Socio Sanitarie Territoriali e alle Amministrazioni Comunali che ne abbiano fatto richiesta.

Anche per quest'anno è stato istituito un call center con numero verde grazie ad Auser Filo d'Argento.

Il numero è 800 995.988, contattabile da numero fisso, mentre da cellulare i numeri sono 0341/286563 per il distretto di Lecco  e 039/2454544 per il distretto di Monza.

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì alle h. 9-12 e 15-18.

Con una semplice telefonata puoi:

•Ricevere informazioni per meglio affrontare il periodo estivo
•Comunicare con una persona amica e uscire dalla solitudine
•Essere accompagnato a visite o a esami medici all’ospedale
•Ricevere pasti a domicilio e/o farmaci e spesa (laddove previsto)