Servizi per le Imprese

Infortuni sul lavoro: dinamiche e prevenzione

conoscere per prevenire

 Le ATS (ex ASL) che da anni indagano le dinamiche dei gravi infortuni sul lavoro che accadono nelle nostre Provincie, sono convinte che il “sapere” che ne viene non deve servire solo al caso specifico ma deve diventare “linfa” per la prevenzione nel territorio.

Molti fattori negativi intervengono nelle dinamiche degli infortuni: errata percezione e valutazione dei rischi, carente formazione, uso improprio delle attrezzature di lavoro, mancanza di chiare procedure di sicurezza aziendali, ecc.

Pensiamo per questo di fornire, insieme ad Inail, alle Aziende alcuni strumenti di conoscenza per la prevenzione:

  

Campagna informativa

"Impariamo dagli errori"

Raccontiamo alcune storie di infortuni perchè

non ne accadano più di uguali

LAVORO

Dati e schede informative del

Sistema Infor.Mo. di

INAIL

 

Logo_LISLperpag.31.png

          Qui tutte le informazioni per il 

  Laboratorio Interattivo Sicurezza Lavoro     


ATS pannelli incidenti 115 cm            

MOCA - Materiali ed oggetti destinati a venire a contatto con alimenti. D.Leg.10 febbraio 2017

Descrizione del procedimento

Ai sensi dell'art 6 del D.lgs. 29/2017, gli operatori economici dei materiali e oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti comunicano all’Autorità Sanitaria territorialmente competente (SC Igiene Alimenti e Nutrizione) gli stabilimenti che eseguono le attività di cui al regolamento (CE) 2023/2006:

  • Produzione (anche conto terzi);
  • Deposito;
  • Trasformazione;
  • Distribuzione (all’ingrosso) anche conto terzi;

Il titolare/legale rappresentate di un’impresa che intenda svolgere una delle attività di cui al regolamento (CE) 2023/2006 sopra descritte deve trasmettere la comunicazione ex art. 6 D.lgs. 29/2017 al SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) competente per territorio in riferimento alla sede operativa dove viene svolta l'attività, attraverso la piattaforma digitale http://www.impresainungiorno.gov.it/ (rif. DPR 160/2010).

Le Comunicazioni ex art. 6 D.lgs. 29/2017 che dovessero comunque giungere alla casella di Posta Elettronica Certificata del SUAP o di ATS saranno dunque rifiutate, la ricevuta generata automaticamente dal gestore della casella non produce alcun effetto amministrativo ai fini dello svolgimento dell'attività di impresa.

Il SUAP, valutata la completezza formale della Comunicazione, trasmette all'Impresa l’atto di ricevuta della pratica inoltrata, permettendone così l’inizio dell’attività, e inoltra la documentazione all'ATS e agli altri Enti competenti.

Altre informazioni rilevanti

L'Operatore economico dovrà inoltrare una comunicazione per ogni sede operativa gestita. Per esempio, se un Operatore ha uno stabilimento di produzione in un Comune ed un secondo stabilimento in un altro Comune, dovrà inoltrare due comunicazioni: una al (SUAP del) primo Comune ed una al (SUAP del) secondo Comune.

Sono esclusi dall’obbligo di comunicazione il distributore al consumatore finale e l’utilizzatore di MOCA, ossia coloro che non operano alcuna trasformazione del prodotto ma si limitano ad usarlo tal quale per la propria attività.

Il comma 2 dell’art. 6 dispone che, nel caso in cui l’attività posta in essere dall’operatore economico sia soggetta all’obbligo di registrazione o riconoscimento ai sensi dei Regolamenti CE 852/0414 e 853/04, la comunicazione sopra citata possa essere riportata nella medesima segnalazione (SCIA).

Costo per l'utente

Nessun costo

Uffici Competenti :  SS Sicurezza Alimentare

Nome del responsabile del procedimento
Il responsabile della gestione del procedimento è individuato nel Responsabile della Struttura Semplice competente. 

Modalità di accesso

Compilazione modulistica sulla piattaforma telematica http://www.impresainungiorno.gov.it/

Nome del soggetto a cui è attribuito in caso di inerzia il potere sostitutivo

Direttore SC Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Tel. 0362 304816 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Modalità: invio di una e-mail all'indirizzo di posta elettronica. Si richiede di evidenziare: 1) oggetto della richiesta; 2) nominativi delle persone della ATS già contattate con indicazione della richiesta; 3) Tempi di attesa per la mancata risposta alla precedente richiesta; 4) Nome e Cognome; 5) numero di telefono; 6) e-mail.

DOCUMENTI

 

 

Sottocategorie